L’attenta osservazione di 2 gambe in movimento fa rilevare l’esistenza di una sinergia funzionale tra muscoli, nervi e ossa al fine di permettere, oltre alla locomozione, il buon funzionamento di molte altre funzioni vitali, tra le quali si evidenzia quella del sistema veno-linfatico.
Questi 2 sistemi, per la loro particolare situazione anatomica, lavorano quasi sempre contro la gravità, per cui hanno necessità di una spinta periferica che favorisca il deflusso dei liquidi. Per questo compito viene impiegato il piede, una perfetta struttura che sopporta tutto il peso del corpo e su cui gravano quasi tutti gli sforzi della giornata, soprattutto in quelle persone che si sottopongono a lunghi periodi in posizione eretta o ad attività fisiche particolarmente faticose.
Il piede svolge molteplici funzioni, come l’azione di sostegno di tutto il corpo favorendone la stazione eretta, permette il migliore adattamento al terreno, offre una funzione di spinta durante la deambulazione e agisce come vero cuore periferico. Le vene e i vasi del sistema linfatico degli arti inferiori lavorano spingendo la linfa e il sangue verso l’alto, senza poter usufruire della diretta spinta di una pompa pulsante come il cuore (anche se in verità questo fa sentire la sua azione soprattutto in fase di aspirazione diastolica).
Ecco allora che il piede si pone come valido supporto a quest’importante funzione circolatoria, comprimendo le proprie strutture vascolari, a condizione però che sia sano, integro e che lavori bene. Nella pianta del piede, in quella parte direttamente a contatto con il terreno, esiste la soletta di Lejars, rappresentata da una specie di spugna adiposa sottocutanea che racchiude la trama di minuscoli vasi (arteriole, venule e laghi venosi) che costituiscono una piccola riserva di sangue che a ogni passo viene spinto verso l’alto.

Le indagini effettuate nei laboratori di ricerca specializzati Sanagens hanno evidenziato come molti disturbi quali stanchezza, malessere e cattiva circolazione derivino dalle calzature. Questi studi hanno portato a individuare la soluzione d’appoggio ideale nella suoletta anatomica “Sanagens Passoflex” in lattice di gomma naturale: una suoletta creata appositamente per assecondare la circolazione e interagire attivamente con la naturale fisiologia del piede.

La calzata e la forma

Per rispettare concretamente il comfort e le misure del piede, le calzature sanitarie Sanagens sono classificate in base alla calzata. Ogni piede, oltre alla lunghezza, possiede una circonferenza, cioè la calzata (punto più largo del piede passando sopra il collo del piede). Le collezioni Sanagens sono progettate con diverse forme, con un’ampiezza di pianta e di calzata differenti, e sono studiate per accogliere sia il piede normale che quello deformato da patologie artrosiche o edemi importanti. I morbidi pellami e i modelli in calzata 8 ½ contengono i piedi edematosi anche più gravi senza costringere il collo del piede e, quindi, il drenaggio dorsale.

Oltre alle calzature Sanagens nella nostra sanitaria sono in vendita calzature Dr Scholl, Ecosanit, Sensiplant, Sapego, Burago, Calzuro, Woz.